La storia dell'Hostaria Vestina




E' l'estate del 1972, papà Roberto preso dalla necessità di risollevare

le sorti economiche della giovane e numerosa famiglia,

acquista un bel cosciotto di pecora in macelleria e torna a casa.

Un tagliere, coltelli, grande impegno e bastoncini………………. arrostìcini.

Certo non una novità, per tradizione gli arrosticini venivano cucinati lungo le strade

e consumati caldi e gustosi al momento.

Papà Roberto decide; Via Vestina sarà il nostro futuro.

La sera dopo era il 16 luglio gli arrosticini preparati con tanto amore e (interesse)

furono cucinati su un rudimentale braciere nel giardino, prospiciente

la nostra abitazione, proprio sulla Via Vestina, e proprio mentre la popolazione

si recava ad onorare la patrona della contrada la S.S. Beata Vergine del Carmelo

un vento, a volte inclemente, orientò il profumo della griglia,

ed il fumo avvolgendo i devoti che transitavano.

Impossibile non fermarsi ad annusare e poi………

ad assaggiare la bontà promessa da quel profumo di arrosticini ed apprezzare

insieme la semplicità dell'ospitalità di quella famiglia dove le figlie più piccole,

piene di simpatia e voglia di fare si impegnavano oltre misura.

Cosi quel giorno ed i giorni a seguire.

In breve tempo il passaparola dei clienti fu tale che dovemmo creare

un minimo di locale coperto per una migliore ospitalità e per offrire

qualche cosa di altro agli avventori.

Ed ecco Elena, moglie di Roberto, mia amata madre, che dai fornelli continuò,

come a casa, a fare uscire "Primi Piatti" che ancora oggi si ricordano per la venerabile bontà.

In quegli anni trattorie poche, e gli arrosticini (come dicevo)

si potevano gustare solo lungo le strade mai senza un ricovero opportuno.

Da qui il coraggio, un pizzico d'incoscienza e di euforia,

mescolando il tutto con degli enormi impegni finanziari (cambiali), approntammo un paio di

stanze togliendole dalla nostra abitazione facendo nascere una saletta con 20 posti a sedere.

Iniziammo la grande avventura affiancando agli arrosticini un primo piatto, taiarille e fagioli,

seguito da salumi e formaggi di pregevole fattura nel rispetto della semplicità e della bontà che ancora oggi non ha eguali.

Il lavoro, l'impegno, la serietà oggi continuano nel rinnovato locale che continua

a colpire per la sua semplicità, per l'armonia del vissuto

che rivivono nei suoi mitici piatti e nei suoi modici prezzi. INUTILE PARLARNE,

provare per credere,…………………….grazie a papà Roberto:

tuo figlio Carlo.




 


Copyright © 2007 Ristorante "Hostaria Vestina". Tutti diritti riservati.